Ti trovi in:

Home » Territorio » Luoghi e punti di interesse » Chiese » Chiesa di S. Antonio a Preghena

Chiesa di S. Antonio a Preghena

di Venerdì, 09 Maggio 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 23 Maggio 2014
fotografia interno chiesa

La chiesa di S. Antonio si trova al centro del paese di Preghena, su un piano rialzato adiacente alla strada principale. L'edificio è menzionato per la prima volta nel 1384, l'ampliamento rinascimentale voluto dal pievano Biagio Aliprandini, su indicazioni del Principe Vescovo Cles nel 1531; successivamente fu ricostruita a causa di un incendio che aveva distrutto due terzi delle parti superiori nel 1692.La chiesa è stata poi ampliata nel 1957 , abbattendo il fronte e la antica loggia interna gotico rinascimentale  di stile clesiano, e per l'allungamento vennero  demolite alcune case d'abitazione frontali alla facciata ovest.

Interno: è ad unica navata, con tre campate, la prima è la più recente e senza decorazioni , con una copertura a soffitto orizzontale, le altre due sono a crociera , una delle quali è completamente e splendidamente dipinta ad affreschi cinquecenteschi ed è aperta  in una cappellina a nord. L'abside si restringe rispetto alla navata ed è di forma poligonale con catino decorato da costoloni a noido d'ape. Su di una parete sono appese le 14 stazioni della Via Crucis eseguite intorno al 1768 dal pittore Mattia Lampi.

Altare maggiore:è stato costruito su disegno di A. Carneri, tra il 1642 ed il 1649, da Gian Domenico Bezzi di Cusiano intagliatore e scultore e dai doratori Filippi e Bondi di Livo. Il complesso ligneo si erge  su due  gradini di calcare rosso, sulla mensa sta un tabernacolo dorato a forma  di tempietto con cariatidi e putti ai lati  ed una cupoletta a padiglione circondata da una balaustra a colonnine. La pala centraloe è un dipinto ad olio datato 1644 opera di A. Carneri, raffigura Maria Vergine col bambini su un nimbo di nuvole sopra una mezzaluna, incoronata da angeli; sotto sono in contemplazione due santi, il titolare san Antonio Abate e san Leonardo, sul fondo compare un paesaggio con tre colline. La tela nasconde una nicchia che contiene una statua in legno dorato raffigurante la Madonna  col Bambino, detta del Rosario, Le due porte  ai lati dell'altare sono sormontate da un timpano spezzato al cui centro su un poiedistallo c'erano due statue , trafugate nel 1979, che raffiguravano  S. Anna e S. Maria Maddalena.
L'arco trionfale in pietra è a pieno centro, la balaustra in stile neogotico è poggiante su tre gradini n in calcare rosso. Alla destra dell'arco è affrescata una Madonna  col Bambino  di scuola Bascheniana. Nella campata a crociera sono affrescate delle allegorie dei Dottori della Chiesa  e simbologiew dei testi sacri, mentre sulle pareti sono recentemente stati restaurati episodi della vita di Cristo.
La piccola cappella a nord, contiene un altare datato 1672 e dedicato a San Antonio da Padova; esso è in legno intagliato e dorato, il paliotto porta ai lati piccole statue di angeli e cariatidi. L'altare è opera di Gian Domenico Bezzi di Cusiano .

Tipologia di luogo
Collocazione geografica
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam